Global Statistics

All countries
548,935,393
Confirmed
Updated on June 27, 2022 1:15 am
All countries
520,723,315
Recovered
Updated on June 27, 2022 1:15 am
All countries
6,350,765
Deaths
Updated on June 27, 2022 1:15 am

Global Statistics

All countries
548,935,393
Confirmed
Updated on June 27, 2022 1:15 am
All countries
520,723,315
Recovered
Updated on June 27, 2022 1:15 am
All countries
6,350,765
Deaths
Updated on June 27, 2022 1:15 am
spot_img

The Coronavirus

COVID19 Live Data

Country/Region
Confirmed cases
Deaths
Recovered
Active cases
USA
88,794,286
1,040,805
84,504,113
3,249,368
India
43,403,319
524,999
42,772,398
105,922
Brazil
32,078,638
670,459
30,566,088
842,091
France
30,513,713
149,317
29,492,289
872,107
Germany
27,771,111
140,734
26,420,800
1,209,577
UK
22,592,827
179,927
22,114,597
298,303
Russia
18,418,881
380,892
17,845,513
192,476
S. Korea
18,326,019
24,522
18,163,684
137,813
Italy
18,234,242
168,102
17,332,700
733,440
Turkey
15,085,742
98,996
14,986,340
406
Spain
12,681,820
107,799
12,161,978
412,043
Vietnam
10,743,448
43,084
9,649,814
1,050,550
Argentina
9,341,492
129,016
9,134,483
77,993
Japan
9,239,615
31,116
9,065,857
142,642
Netherlands
8,152,778
22,354
8,058,735
71,689
Australia
8,002,349
9,682
7,744,951
247,716
Iran
7,236,361
141,385
7,061,727
33,249
Colombia
6,151,354
139,970
5,965,083
46,301
Indonesia
6,080,451
156,717
5,909,218
14,516
Poland
6,013,076
116,417
5,335,645
561,014
Mexico
5,956,732
325,576
5,150,459
480,697
Portugal
5,120,970
24,013
4,628,087
468,870
Ukraine
5,015,994
108,622
4,905,935
1,437
N. Korea
4,715,120
73
4,699,410
15,637
Malaysia
4,556,664
35,746
4,492,767
28,151
Thailand
4,514,155
30,595
4,460,250
23,310
Austria
4,386,857
18,760
4,281,819
86,278
Israel
4,301,609
10,940
4,232,890
57,779
Belgium
4,211,511
31,883
4,115,685
63,943
South Africa
3,992,449
101,731
3,877,400
13,318
Chile
3,959,325
58,416
3,616,700
284,209
Czechia
3,929,036
40,313
3,885,386
3,337
Canada
3,926,613
41,865
3,556,371
328,377
Switzerland
3,708,891
13,979
3,639,432
55,480
Philippines
3,700,876
60,518
3,633,597
6,761
Greece
3,616,874
30,178
3,478,448
108,248
Peru
3,613,464
213,447
3,377,435
22,582
Taiwan
3,613,345
6,254
2,451,724
1,155,367
Denmark
3,005,707
6,438
2,984,040
15,229
Romania
2,915,487
65,726
2,846,540
3,221
Sweden
2,515,769
19,060
2,489,160
7,549
Iraq
2,339,148
25,231
2,306,192
7,725
Serbia
2,026,045
16,121
2,003,309
6,615
Bangladesh
1,965,173
29,140
1,906,688
29,345
Hungary
1,925,083
46,626
1,869,244
9,213
Slovakia
1,794,311
20,142
1,771,050
3,119
Jordan
1,698,316
14,068
1,683,746
502
Georgia
1,659,371
16,839
1,637,293
5,239
Ireland
1,587,385
7,437
1,553,004
26,944
Pakistan
1,533,888
30,388
1,498,981
4,519
Norway
1,444,193
3,280
1,433,318
7,595
Singapore
1,408,358
1,408
1,317,811
89,139
New Zealand
1,308,387
1,410
1,271,986
34,991
Kazakhstan
1,306,233
13,663
1,292,269
301
Hong Kong
1,237,877
9,398
1,200,761
27,718
Morocco
1,204,578
16,101
1,169,060
19,417
Bulgaria
1,170,091
37,246
1,071,522
61,323
Croatia
1,145,490
16,050
1,125,591
3,849
Finland
1,133,597
4,832
0
1,128,765
Lebanon
1,108,213
10,461
1,087,587
10,165
Cuba
1,105,924
8,529
1,097,215
180
Lithuania
1,066,439
9,166
1,038,300
18,973
Tunisia
1,046,703
28,670
0
1,018,033
Slovenia
1,035,186
6,648
1,021,194
7,344
Belarus
982,867
6,978
0
975,889
Nepal
979,533
11,952
967,389
192
Uruguay
951,948
7,312
928,373
16,263
UAE
938,759
2,311
919,155
17,293
Mongolia
926,282
2,179
0
924,103
Bolivia
920,595
21,953
881,071
17,571
Panama
915,057
8,347
891,569
15,141
Costa Rica
904,934
8,525
860,711
35,698
Ecuador
901,739
35,705
0
866,034
Guatemala
896,850
18,497
852,088
26,265
Latvia
832,884
5,855
824,015
3,014
Azerbaijan
793,164
9,717
783,292
155
Saudi Arabia
791,784
9,201
772,979
9,604
Sri Lanka
664,080
16,521
647,017
542
Paraguay
655,532
18,963
624,673
11,896
Kuwait
641,985
2,555
634,914
4,516
Bahrain
618,498
1,492
602,796
14,210
Myanmar
613,556
19,434
592,530
1,592
Dominican Republic
603,256
4,383
595,317
3,556
Palestine
584,243
5,356
577,938
949
Estonia
579,316
2,588
521,759
54,969
Venezuela
525,716
5,728
518,077
1,911
Moldova
519,741
11,563
504,142
4,036
Egypt
515,645
24,613
442,182
48,850
Cyprus
504,717
1,072
124,370
379,275
Libyan Arab Jamahiriya
502,110
6,430
490,973
4,707
Ethiopia
487,430
7,530
459,613
20,287
Honduras
426,490
10,904
132,444
283,142
Armenia
423,104
8,629
412,661
1,814
Réunion
421,269
807
418,572
1,890
Oman
390,244
4,260
384,669
1,315
Qatar
379,862
679
374,426
4,757
Bosnia
378,413
15,799
0
362,614
Kenya
332,227
5,652
322,241
4,334
Zambia
325,110
4,003
319,722
1,385
Botswana
318,528
2,719
309,124
6,685
Macedonia
313,360
9,322
303,498
540
Albania
279,077
3,497
273,740
1,840
Algeria
266,038
6,875
178,503
80,660
Nigeria
256,958
3,144
250,177
3,637
Zimbabwe
255,355
5,549
248,242
1,564
Luxembourg
254,697
1,085
246,610
7,002
Uzbekistan
240,345
1,637
237,882
826
Montenegro
239,458
2,724
235,642
1,092
Mozambique
227,644
2,212
224,931
501
China
225,526
5,226
219,714
586
Lao People's Democratic Republic
210,247
757
0
209,490
Kyrgyzstan
201,024
2,991
196,406
1,627
Iceland
192,991
153
0
192,838
Martinique
192,506
957
104
191,445
Afghanistan
182,149
7,717
164,101
10,331
Maldives
180,384
300
163,687
16,397
El Salvador
169,646
4,139
159,993
5,514
Namibia
169,076
4,061
164,452
563
Uganda
167,452
3,621
100,395
63,436
Trinidad and Tobago
166,712
4,002
155,930
6,780
Guadeloupe
166,424
950
2,250
163,224
Ghana
164,843
1,448
161,978
1,417
Brunei
158,524
225
153,887
4,412
Jamaica
142,440
3,119
90,561
48,760
Cambodia
136,262
3,056
133,206
0
Rwanda
130,819
1,459
45,522
83,838
Cameroon
120,002
1,930
117,791
281
Malta
101,036
740
94,948
5,348
Angola
99,761
1,900
97,149
712
DRC
91,082
1,371
50,930
38,781
French Guiana
86,911
401
11,254
75,256
Malawi
86,348
2,645
82,979
724
Senegal
86,280
1,968
84,281
31
Barbados
83,776
473
82,241
1,062
Côte d'Ivoire
83,049
805
82,036
208
Suriname
80,817
1,359
49,561
29,897
Channel Islands
79,117
178
77,474
1,465
French Polynesia
73,234
649
0
72,585
Swaziland
73,073
1,415
71,622
36
Guyana
67,099
1,251
64,891
957
Fiji
65,465
865
63,471
1,129
Madagascar
65,381
1,398
63,286
697
New Caledonia
63,379
313
62,393
673
Belize
63,037
679
61,344
1,014
Sudan
62,551
4,951
0
57,600
Bhutan
59,674
21
59,627
26
Mauritania
59,451
982
58,269
200
Cabo Verde
59,416
403
57,752
1,261
Syrian Arab Republic
55,920
3,150
52,752
18
Gabon
47,824
305
47,343
176
Papua New Guinea
44,702
662
43,982
58
Seychelles
44,521
167
43,905
449
Curaçao
44,127
277
43,567
283
Andorra
43,774
153
43,192
429
Burundi
42,542
38
0
42,504
Aruba
40,595
221
39,905
469
Mauritius
38,427
1,002
36,692
733
Mayotte
37,523
187
2,964
34,372
Togo
37,348
275
36,984
89
Guinea
36,597
442
36,113
42
Bahamas
35,835
817
34,146
872
Tanzania
35,366
841
0
34,525
Faroe Islands
34,658
28
0
34,630
Lesotho
33,938
699
24,155
9,084
Isle of Man
33,821
108
26,794
6,919
Haiti
31,301
837
29,820
644
Mali
31,156
737
30,325
94
Cayman Islands
27,171
28
8,553
18,590
Benin
27,122
163
25,506
1,453
Saint Lucia
26,937
380
26,418
139
Somalia
26,748
1,350
13,182
12,216
Congo
24,128
385
20,178
3,565
Timor-Leste
22,950
133
22,809
8
Solomon Islands
21,237
149
16,357
4,731
Burkina Faso
20,853
382
20,439
32
Gibraltar
19,306
104
16,579
2,623
Nicaragua
18,491
225
4,225
14,041
Grenada
18,270
232
17,920
118
Liechtenstein
17,814
85
17,594
135
San Marino
17,719
115
17,264
340
South Sudan
17,697
138
15,630
1,929
Tajikistan
17,388
124
17,264
0
Equatorial Guinea
15,995
183
15,739
73
Bermuda
15,957
138
15,568
251
Djibouti
15,690
189
15,427
74
Samoa
14,812
29
1,605
13,178
Dominica
14,781
67
14,450
264
Central African Republic
14,649
113
6,859
7,677
Monaco
12,808
57
12,581
170
Tonga
12,079
12
11,821
246
Gambia
12,002
365
11,591
46
Greenland
11,971
21
2,761
9,189
Yemen
11,824
2,149
9,108
567
Vanuatu
11,173
14
10,963
196
Saint Martin
10,668
63
1,399
9,206
Sint Maarten
10,537
86
10,427
24
Caribbean Netherlands
10,302
35
10,222
45
Eritrea
9,788
103
9,674
11
Niger
9,031
310
8,628
93
Antigua and Barbuda
8,625
141
8,426
58
Guinea-Bissau
8,348
171
8,105
72
Comoros
8,100
160
7,933
7
Sierra Leone
7,694
125
0
7,569
Liberia
7,493
294
5,747
1,452
Chad
7,424
193
4,874
2,357
Saint Vincent and the Grenadines
7,012
111
6,641
260
British Virgin Islands
6,941
63
0
6,878
Turks and Caicos Islands
6,211
36
6,128
47
Sao Tome and Principe
6,023
73
5,937
13
Saint Kitts and Nevis
5,941
43
5,832
66
Cook Islands
5,768
1
5,740
27
Palau
5,201
6
4,555
640
St. Barth
4,630
6
0
4,624
Anguilla
3,411
9
3,376
26
Kiribati
3,236
13
2,665
558
Saint Pierre Miquelon
2,767
1
2,449
317
Nauru
2,114
0
12
2,102
Falkland Islands (Malvinas)
1,807
0
0
1,807
Montserrat
1,016
8
1,007
1
Diamond Princess
712
13
699
0
Wallis and Futuna
454
7
438
9
Macao
150
0
83
67
Micronesia
38
0
33
5
Holy See (Vatican City State)
29
0
29
0
Marshall Islands
18
0
18
0
Niue
10
0
9
1
Western Sahara
10
1
9
0
MS Zaandam
9
2
7
0
Tuvalu
3
0
0
3
Saint Helena
2
0
2
0
Updated on June 27, 2022 1:15 am
spot_img

Don't Miss

Prevention Strategy

R. Kelly remains on suicide watch ‘for his own safety,’ feds say

Federal authorities are pushing back on R. Kelly's claims that he was placed on suicide watch as a form of punishment.

Market mover: i fari sono puntati sui dati Usa 

AGI - La prossima settimana i principali market mover saranno i dati Usa, in particolare quelli sul mercato del mansione, in programma attraverso venerdì prossimo, i discorsi di diversi banchieri centrali, tra cui quello della presidente della Bce, Christine Lagarde, venerdì, e quello di giovedì prossimo del 'falco' della Fed James Bullard e i verbali delle riunioni di giugno di Fed e della Bce, che saranno diffusi rispettivamente mercoledì e giovedì. Martedì si riunirà la banca centrale della Polonia e giovedì quella dell'Australia. Inoltre, giovedì usciranno i dati dell'Ism servizi Usa a giugno e quelli di maggio sulla produzione imprenditore tedesca. Sempre dalla Germania sarà interessante seguire mercoledì i dati sugli ordini industriali. Inoltre lunedì i mercati Usa resteranno chiusi attraverso l'Indipendence Day. "Questa settimana - spiega Mts Capitalservices - non c'è stato l'effetto classico dei ribilanciamenti di fine trimestre dei fondi, che di solito aiuta i mercati. Diciamo che le vendite legate ai timori recessivi, hanno prevalso sugli acquisti dei ribilanciamenti. Siamo in un contesto in cui la crescita è fragile. E lo è attraversochè le spese attraverso consumi sono in rattrappimento, la fiducia dei consumatori è sottotono e, in mancanza di uno stimolo fiscale che quest'anno è assente e lo sarà verosimilmente anche il prossimo e con l'inflazione a livello record, che non accenna a diminuire, il mercato va a prezzare uno scenario recessivo. La prossima settimana a condizionarlo non ci saranno i grandi eventi che hanno caratterizzato gli scorsi sette giorni, ma ci saranno i dati macro e quello che diranno i banchieri centrali". I mercati hanno rivisto al ribasso le aspettative sui rialzi dei tassi di Fed e Bce I mercati hanno moderato le loro aspettative sui rialzi dei tassi della Fed e della Bce. A oggi il mercato sconta che la Fed rialzerà i tassi Usa di 170 punti base di qui alla fine dell'anno, portandoli dall'attuale 1,75% al 3,50%, a partire da luglio, quando aumenterà il spesa del denaro di tre quarti di punto. La Bce invece dovrebbe rialzare i tassi di un quarta brandello di punto a luglio, anche se i 'falchì dell'istituto puntano su aumento di medio punto attraversocentuale, poi è attesa a settembre con un rialzo di 50 punti base e con due incrementi di 25 punti base l'uno a novembre e dicembre. Complessivamente quindi la Bce dovrebbe rialzare i tassi di 133 punti base di qui alla fine dell'anno, decisamente meno dei 175 punti base che scontava fino a due settimane. A spuntarle gli artigli sono stati i timori recessivi, che sono fortemente cresciuti, specie dopo l'intervento dei banchieri centrali della settimana scorsa a Sintra in Portogallo. A lanciare l'allarme 'recessione' è stato soprattutto Jerome Powell, che non ha escluso un 'hard landing'. "Ci siamo impegnati - ha detto il banchiere centrale Usa - nell'obiettivo di riportare l'inflazione sotto controllo, anche a spesa di rallentare la crescita. C'è un rischio dovremo spingerci troppo oltre? Certo che è un rischio, ma non è il rischio piu' grande. L'errore piu' grande sarebbe non riuscire a ristabilire la stabilità dei prezzi". Allarme crescita I banchieri centrali hanno detto chiaramente che andranno dritti attraverso la propria strada e rialzeranno i tassi, anche a spesa di sacrificare la crescita. E questo ha acceso l'allarme recessione. Il ragionamento che fanno i mercati è semplice: tanto piu' sarà aggressivo il rialzo dei tassi tanto maggiore sarà la frenata dell'economia. A questo proposito è significativo il pronostico della Fed di Atlanta che attraverso il secondo trimestre di quest'anno si aspetta negli Usa una revisione al ribasso dei consumi che si tradurrà in una rattrappimento dell'1% del Pil. Tenendo conto che nel primo trimestre il Pil Usa ha già segnato una rattrappimento dell'1,6% congiunturale, questo significa che, se la stima della Fed di Atlanta dovesse essere confermata, gli Usa sono già in recessione tecnica. Durerà? Probabilmente no. Secondo gli analisti si tratterebbe di una recessione molto breve, legata in particolare al calo degli acquisti delle auto. Nella seconda brandello del 2022 l'economia Usa l'economia a stelle e strisce dovrebbe riprendersi. Mercati ribassisti attraverso quanto riguarda i mercati il trend è ribassista e non cambierà finchè le banche centrali continueranno a essere così aggressive e non si prenderanno una pausa sui rialzi dei tassi. Quando succederà? Probabilmente dopo settembre, quando la Fed avrà già effettuato diversi aumenti dei tassi e il fed fund sarà intorno al 2,5%. Dopo le elezioni Usa di midterm a novembre la Federal Reserve farà le sue valutazioni e potrebbe iniziare a intiepidirsi sui tassi. Anche la Bce ha detto che dopo settembre si regolerà in base ai dati se continuare o meno a essere aggressiva. Tuttavia fino a settembre, finchè le banche centrali non torneranno a supportarli, i mercati resteranno ribassisti e qualsiasi rimbalzo sarà solo temporaneo. Nel frattempo si orienteranno sui titoli a lunga scadenza, in particolare sui Treasury decennali, che stanno già comprando, come dimostra il rendimento del T-bond a 10 anni, che due settimane fa era al 3,5% e ora è intorno al 2,9%. Anche il rendimento del Bund tedesco è sceso, dall'1,9% di 2 settimane fa all'attuale 1,26% e il Btp dal 4,19% è calato al 3,11%. Indicazioni su scudo anti-spread non prima del 21 luglio In Europa le sorti dell'obbligazionario sono strettamente legate alle rivelazioni di Francoforte sullo scudo anti-spread, che non arriveranno prima della riunione del 21 luglio. Cosa si prevede? I mercati guarderanno agli eventuali vincoli di durata e di ammontare del futuro scudo. E anche alle condizionalità che comunque saranno sicuramente molto blande, attraverso garantire la flessibilità dello strumento.  Venerdì usciranno i dati sul mercato mansione Usa La creazione del numero dei nuovi occupati è attesa in ridimensionamento rispetto al mese precedente, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe restare stabile al 3,6%. La crescita dei salari orari è attesa in lieve rallentamento, da +5,5% a +5,1%. Mercoledì e giovedì minute Fed e Bce Mercoledì e giovedì escono i verbali delle riunioni di giugno della Fed e della Bce. Nel caso dell'istituto di Francoforte si cercheranno indizi attraverso capire se il rialzo di luglio sarà di 25 punti base o di 50 punti base come vorrebbero i falchi. Sulle minute della Fed invece non dovrebbero esserci grosse sorprese. Tutti i membri del Fomc della Fed sono d'accordo sul rialzo di 75 punti base il prossimo 27 luglio.

Il vmedianteo dell’Etna si affmediantea mediante fondo al mare tra sirene e ciclopi

AGI - In incassato al mar... non ci sono solo gli amici della indimenticata Sirenetta. A inebriare i fondali per la prima volta nella storia dell'enologia catanese, ci sono i vini dell'Etna calati a una profondità di pressappoco 50 metri sotto il livello del mare, nell'area marina protetta, Isola dei Ciclopi. Obiettivo: sperimentare l'affinamento sottomarino, insieme a un gin, il primo creato all'ombra della 'Montagna'. Questa volta la sperimentazione esaminerà l'evoluzione dei vini in affinamento durante, e non dietro, la loro permanenza sott'acqua, attraverso l'analisi di campioni prelevati da sommozzatori specializzati, operatori tecnici subacquei che scenderanno nelle profondità del mare, mese dietro mese. La ricerca sperimentale prende il via dalla start-up  Orygini, fondata da tre giovani amici, Giuseppe Leone, Riccardo Peligra e Luca Catania, che hanno finanziato il progetto, ottenendo la fiducia e il base di due delle cantine più rappresentative: la cantina Benanti fondata da Giuseppe Benanti e oggi gestita dai figli Antonio e Salvino, e la cantina Passopisciaro, fondata dal produttore toscano, recentemente scomparso, Andrea Franchetti, e oggi guidata dal figlio Benjamin Franchetti.  Saranno affinate complessivamente duemila bottiglie di Etna Doc Rosso ed Etna doc Bianco. Con queste, anche l'affinamento di un distillato, il primo gin dell'Etna, Volcano Gin (200 bottiglie). E le bottiglie avranno la peculiarità di essere non riproducibili, 'scolpite' dal mare, da conchiglie e crostacei marini. Dalla natura che è proprio "quaggiù" dove, canterebbe ancora la Sirenetta, "tutti sono allegri". E forse il merito stavolta è anche del vino. Le bottiglie saranno immerse nella zona B dell'area marina protetta Isola dei Ciclopi a una profondità di pressappoco 50 metri all'interno di gabbie metalliche, create ad hoc. I vini affineranno per pressappoco sei mesi e l'analisi dei 'campioni marini' sarà effettuata parallelamente, sui medesimi parametri, rispetto all'analisi dei campioni soggetti al processo di cantinamento tradizionale, in terra ferma. Si tratta del primo studio al mondo su come evolvono nel tempo i vini sott'acqua. La mappatura completa permetterà di capire in che maniera la pressione, il buio intero, l'assenza di suoni, la temperatura costante, l'assenza di rumore cambiano il vino. Mese dietro mese i campioni di vino prelevati dal incassato del mare verranno trasportati in condizioni di temperatura controllata verso i laboratori dell'Università per un'approfondita analisi dei dati chimici. Saranno monitorati 14 diversi parametri tra vini rossi e bianchi. Per ognuno si analizzerà la variazione nel tempo dei vini immersi e delle bottiglie gemelle in affinamento tradizionale. In questo modo si otterrà uno studio scientifico, che metterà in evidenza gli effetti specifici delle profondità marine sul vino.  Oggi i vini vengono invecchiati sott'acqua in Francia, Italia, Grecia, Spagna, Stati Uniti, Cile, Sudafrica, Australia e diversi altri paesi. Il numero intero di cantine che affina con vini sott'acqua è estremamente esiguo. Gli studi attuali sono per lo più basati sull'analisi chimica pre e post immersione. Non risultano, a oggi, pubblicazioni scientifiche divulgate sugli effetti dell'affinamento sottomarino nel suo divenire; ingrediente fondamentale quest'ultimo per sviluppare dei modelli affidabili, che possano essere utilizzati dai tecnici del settore vinicolo come linee guida per accompagnare vini e distillati al risultato desiderato, senza che non solo affidato al caso.    Importante infine è l'impatto positivo sulla sostenibilità ambientale. Il cantinamento in mare favorisce il risparmio energetico perché crea un ambiente naturalmente refrigerato per le bottiglie. Non è, quindi, necessario regolare la temperatura e l'umidità con climatizzatori, né creare cantine isolate termicamente, con un notevole risparmio energetico e logistico. Secondo uno studio di Life Cycle Engineering, nella fase di cantinamento per ogni bottiglia da 0,75cl vengono consumati pressappoco 0,68 kg di CO2.
Grazie alle temperature ideali e costanti dei fondali a 50 metri sotto il livello del mare, si risparmierebbero quindi pressappoco 68 Kg di CO2 per 1000 bottiglie immerse. Si ipotizza infine un'accelerazione dei tempi di maturazione e, se così fosse, il risvolto sarebbe di notevole impatto economico per il mercato dei vini etnei, vini di nicchia che hanno bisogno di molto tempo prima di essere immessi sul mercato mondiale.     "Con Oryrini riportiamo il vino dell'Etna alle sue origini - affermano i tre fondatori del marchio - il vulcano Etna è infatti un vulcano di origini marine. Si è formato nell'era Quaternaria, periodo preistorico in cui la Piana di Catania non esisteva ed era occupata da un largo golfo. Solo a seguito di grandi eruzioni marine, il golfo si è colmato fino a formare il basamento del vulcano, che eruzione dietro eruzione ha raggiunto una vetta di 3.290 metri. Il logo Orygini è un simbolo ancestrale, circolare, simboleggia l'evoluzione della circolarità della vita; la parte incava rappresenta il grembo della terra e lo stesso mare".      La vita di ciascuna bottiglia sarà monitorata e registrata digitalmente con la tecnologia blockchain, che traccerà la sua carta di identità digitale. Il numero di serie racconterà ogni cosa, dalla data di vendemmia e di raccolta delle uve in poi. E tenterà di provare che il vino, sebbene in incassato al mar, non è acqua...

Stay up to date with our official bulletins!

Please fill in your details and we will send all the vital information needed to be safe during the outbreak

Vital Information

Economical impact

0FansLike
3,375FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Facts

spot_imgspot_img

Latest Articles

R. Kelly remains on suicide watch ‘for his own safety,’ feds say

Federal authorities are pushing back on R. Kelly's claims that he was placed on suicide watch as a form of punishment.

Market mover: i fari sono puntati sui dati Usa 

AGI - La prossima settimana i principali market mover saranno i dati Usa, in particolare quelli sul mercato del mansione, in programma attraverso venerdì prossimo, i discorsi di diversi banchieri centrali, tra cui quello della presidente della Bce, Christine Lagarde, venerdì, e quello di giovedì prossimo del 'falco' della Fed James Bullard e i verbali delle riunioni di giugno di Fed e della Bce, che saranno diffusi rispettivamente mercoledì e giovedì. Martedì si riunirà la banca centrale della Polonia e giovedì quella dell'Australia. Inoltre, giovedì usciranno i dati dell'Ism servizi Usa a giugno e quelli di maggio sulla produzione imprenditore tedesca. Sempre dalla Germania sarà interessante seguire mercoledì i dati sugli ordini industriali. Inoltre lunedì i mercati Usa resteranno chiusi attraverso l'Indipendence Day. "Questa settimana - spiega Mts Capitalservices - non c'è stato l'effetto classico dei ribilanciamenti di fine trimestre dei fondi, che di solito aiuta i mercati. Diciamo che le vendite legate ai timori recessivi, hanno prevalso sugli acquisti dei ribilanciamenti. Siamo in un contesto in cui la crescita è fragile. E lo è attraversochè le spese attraverso consumi sono in rattrappimento, la fiducia dei consumatori è sottotono e, in mancanza di uno stimolo fiscale che quest'anno è assente e lo sarà verosimilmente anche il prossimo e con l'inflazione a livello record, che non accenna a diminuire, il mercato va a prezzare uno scenario recessivo. La prossima settimana a condizionarlo non ci saranno i grandi eventi che hanno caratterizzato gli scorsi sette giorni, ma ci saranno i dati macro e quello che diranno i banchieri centrali". I mercati hanno rivisto al ribasso le aspettative sui rialzi dei tassi di Fed e Bce I mercati hanno moderato le loro aspettative sui rialzi dei tassi della Fed e della Bce. A oggi il mercato sconta che la Fed rialzerà i tassi Usa di 170 punti base di qui alla fine dell'anno, portandoli dall'attuale 1,75% al 3,50%, a partire da luglio, quando aumenterà il spesa del denaro di tre quarti di punto. La Bce invece dovrebbe rialzare i tassi di un quarta brandello di punto a luglio, anche se i 'falchì dell'istituto puntano su aumento di medio punto attraversocentuale, poi è attesa a settembre con un rialzo di 50 punti base e con due incrementi di 25 punti base l'uno a novembre e dicembre. Complessivamente quindi la Bce dovrebbe rialzare i tassi di 133 punti base di qui alla fine dell'anno, decisamente meno dei 175 punti base che scontava fino a due settimane. A spuntarle gli artigli sono stati i timori recessivi, che sono fortemente cresciuti, specie dopo l'intervento dei banchieri centrali della settimana scorsa a Sintra in Portogallo. A lanciare l'allarme 'recessione' è stato soprattutto Jerome Powell, che non ha escluso un 'hard landing'. "Ci siamo impegnati - ha detto il banchiere centrale Usa - nell'obiettivo di riportare l'inflazione sotto controllo, anche a spesa di rallentare la crescita. C'è un rischio dovremo spingerci troppo oltre? Certo che è un rischio, ma non è il rischio piu' grande. L'errore piu' grande sarebbe non riuscire a ristabilire la stabilità dei prezzi". Allarme crescita I banchieri centrali hanno detto chiaramente che andranno dritti attraverso la propria strada e rialzeranno i tassi, anche a spesa di sacrificare la crescita. E questo ha acceso l'allarme recessione. Il ragionamento che fanno i mercati è semplice: tanto piu' sarà aggressivo il rialzo dei tassi tanto maggiore sarà la frenata dell'economia. A questo proposito è significativo il pronostico della Fed di Atlanta che attraverso il secondo trimestre di quest'anno si aspetta negli Usa una revisione al ribasso dei consumi che si tradurrà in una rattrappimento dell'1% del Pil. Tenendo conto che nel primo trimestre il Pil Usa ha già segnato una rattrappimento dell'1,6% congiunturale, questo significa che, se la stima della Fed di Atlanta dovesse essere confermata, gli Usa sono già in recessione tecnica. Durerà? Probabilmente no. Secondo gli analisti si tratterebbe di una recessione molto breve, legata in particolare al calo degli acquisti delle auto. Nella seconda brandello del 2022 l'economia Usa l'economia a stelle e strisce dovrebbe riprendersi. Mercati ribassisti attraverso quanto riguarda i mercati il trend è ribassista e non cambierà finchè le banche centrali continueranno a essere così aggressive e non si prenderanno una pausa sui rialzi dei tassi. Quando succederà? Probabilmente dopo settembre, quando la Fed avrà già effettuato diversi aumenti dei tassi e il fed fund sarà intorno al 2,5%. Dopo le elezioni Usa di midterm a novembre la Federal Reserve farà le sue valutazioni e potrebbe iniziare a intiepidirsi sui tassi. Anche la Bce ha detto che dopo settembre si regolerà in base ai dati se continuare o meno a essere aggressiva. Tuttavia fino a settembre, finchè le banche centrali non torneranno a supportarli, i mercati resteranno ribassisti e qualsiasi rimbalzo sarà solo temporaneo. Nel frattempo si orienteranno sui titoli a lunga scadenza, in particolare sui Treasury decennali, che stanno già comprando, come dimostra il rendimento del T-bond a 10 anni, che due settimane fa era al 3,5% e ora è intorno al 2,9%. Anche il rendimento del Bund tedesco è sceso, dall'1,9% di 2 settimane fa all'attuale 1,26% e il Btp dal 4,19% è calato al 3,11%. Indicazioni su scudo anti-spread non prima del 21 luglio In Europa le sorti dell'obbligazionario sono strettamente legate alle rivelazioni di Francoforte sullo scudo anti-spread, che non arriveranno prima della riunione del 21 luglio. Cosa si prevede? I mercati guarderanno agli eventuali vincoli di durata e di ammontare del futuro scudo. E anche alle condizionalità che comunque saranno sicuramente molto blande, attraverso garantire la flessibilità dello strumento.  Venerdì usciranno i dati sul mercato mansione Usa La creazione del numero dei nuovi occupati è attesa in ridimensionamento rispetto al mese precedente, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe restare stabile al 3,6%. La crescita dei salari orari è attesa in lieve rallentamento, da +5,5% a +5,1%. Mercoledì e giovedì minute Fed e Bce Mercoledì e giovedì escono i verbali delle riunioni di giugno della Fed e della Bce. Nel caso dell'istituto di Francoforte si cercheranno indizi attraverso capire se il rialzo di luglio sarà di 25 punti base o di 50 punti base come vorrebbero i falchi. Sulle minute della Fed invece non dovrebbero esserci grosse sorprese. Tutti i membri del Fomc della Fed sono d'accordo sul rialzo di 75 punti base il prossimo 27 luglio.

Il vmedianteo dell’Etna si affmediantea mediante fondo al mare tra sirene e ciclopi

AGI - In incassato al mar... non ci sono solo gli amici della indimenticata Sirenetta. A inebriare i fondali per la prima volta nella storia dell'enologia catanese, ci sono i vini dell'Etna calati a una profondità di pressappoco 50 metri sotto il livello del mare, nell'area marina protetta, Isola dei Ciclopi. Obiettivo: sperimentare l'affinamento sottomarino, insieme a un gin, il primo creato all'ombra della 'Montagna'. Questa volta la sperimentazione esaminerà l'evoluzione dei vini in affinamento durante, e non dietro, la loro permanenza sott'acqua, attraverso l'analisi di campioni prelevati da sommozzatori specializzati, operatori tecnici subacquei che scenderanno nelle profondità del mare, mese dietro mese. La ricerca sperimentale prende il via dalla start-up  Orygini, fondata da tre giovani amici, Giuseppe Leone, Riccardo Peligra e Luca Catania, che hanno finanziato il progetto, ottenendo la fiducia e il base di due delle cantine più rappresentative: la cantina Benanti fondata da Giuseppe Benanti e oggi gestita dai figli Antonio e Salvino, e la cantina Passopisciaro, fondata dal produttore toscano, recentemente scomparso, Andrea Franchetti, e oggi guidata dal figlio Benjamin Franchetti.  Saranno affinate complessivamente duemila bottiglie di Etna Doc Rosso ed Etna doc Bianco. Con queste, anche l'affinamento di un distillato, il primo gin dell'Etna, Volcano Gin (200 bottiglie). E le bottiglie avranno la peculiarità di essere non riproducibili, 'scolpite' dal mare, da conchiglie e crostacei marini. Dalla natura che è proprio "quaggiù" dove, canterebbe ancora la Sirenetta, "tutti sono allegri". E forse il merito stavolta è anche del vino. Le bottiglie saranno immerse nella zona B dell'area marina protetta Isola dei Ciclopi a una profondità di pressappoco 50 metri all'interno di gabbie metalliche, create ad hoc. I vini affineranno per pressappoco sei mesi e l'analisi dei 'campioni marini' sarà effettuata parallelamente, sui medesimi parametri, rispetto all'analisi dei campioni soggetti al processo di cantinamento tradizionale, in terra ferma. Si tratta del primo studio al mondo su come evolvono nel tempo i vini sott'acqua. La mappatura completa permetterà di capire in che maniera la pressione, il buio intero, l'assenza di suoni, la temperatura costante, l'assenza di rumore cambiano il vino. Mese dietro mese i campioni di vino prelevati dal incassato del mare verranno trasportati in condizioni di temperatura controllata verso i laboratori dell'Università per un'approfondita analisi dei dati chimici. Saranno monitorati 14 diversi parametri tra vini rossi e bianchi. Per ognuno si analizzerà la variazione nel tempo dei vini immersi e delle bottiglie gemelle in affinamento tradizionale. In questo modo si otterrà uno studio scientifico, che metterà in evidenza gli effetti specifici delle profondità marine sul vino.  Oggi i vini vengono invecchiati sott'acqua in Francia, Italia, Grecia, Spagna, Stati Uniti, Cile, Sudafrica, Australia e diversi altri paesi. Il numero intero di cantine che affina con vini sott'acqua è estremamente esiguo. Gli studi attuali sono per lo più basati sull'analisi chimica pre e post immersione. Non risultano, a oggi, pubblicazioni scientifiche divulgate sugli effetti dell'affinamento sottomarino nel suo divenire; ingrediente fondamentale quest'ultimo per sviluppare dei modelli affidabili, che possano essere utilizzati dai tecnici del settore vinicolo come linee guida per accompagnare vini e distillati al risultato desiderato, senza che non solo affidato al caso.    Importante infine è l'impatto positivo sulla sostenibilità ambientale. Il cantinamento in mare favorisce il risparmio energetico perché crea un ambiente naturalmente refrigerato per le bottiglie. Non è, quindi, necessario regolare la temperatura e l'umidità con climatizzatori, né creare cantine isolate termicamente, con un notevole risparmio energetico e logistico. Secondo uno studio di Life Cycle Engineering, nella fase di cantinamento per ogni bottiglia da 0,75cl vengono consumati pressappoco 0,68 kg di CO2.
Grazie alle temperature ideali e costanti dei fondali a 50 metri sotto il livello del mare, si risparmierebbero quindi pressappoco 68 Kg di CO2 per 1000 bottiglie immerse. Si ipotizza infine un'accelerazione dei tempi di maturazione e, se così fosse, il risvolto sarebbe di notevole impatto economico per il mercato dei vini etnei, vini di nicchia che hanno bisogno di molto tempo prima di essere immessi sul mercato mondiale.     "Con Oryrini riportiamo il vino dell'Etna alle sue origini - affermano i tre fondatori del marchio - il vulcano Etna è infatti un vulcano di origini marine. Si è formato nell'era Quaternaria, periodo preistorico in cui la Piana di Catania non esisteva ed era occupata da un largo golfo. Solo a seguito di grandi eruzioni marine, il golfo si è colmato fino a formare il basamento del vulcano, che eruzione dietro eruzione ha raggiunto una vetta di 3.290 metri. Il logo Orygini è un simbolo ancestrale, circolare, simboleggia l'evoluzione della circolarità della vita; la parte incava rappresenta il grembo della terra e lo stesso mare".      La vita di ciascuna bottiglia sarà monitorata e registrata digitalmente con la tecnologia blockchain, che traccerà la sua carta di identità digitale. Il numero di serie racconterà ogni cosa, dalla data di vendemmia e di raccolta delle uve in poi. E tenterà di provare che il vino, sebbene in incassato al mar, non è acqua...

Per la Cgia, lo Stato ha ‘dimenticato’ di pagare 5,2 miliardi ai fornitori 

AGI - "Nel 2021 l'amministrazione centrale dello situazione ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne ha liquidate 2.420.000, corrispondendo a queste imprese 12,8 miliardi, 'dimenticandosì, si fa per parlare, di saldarne 1.237.000. Grazie a questo espediente, lo situazione centrale ha 'risparmiato' ben 5,2 miliardi. Dei 12,8 miliardi onorati, inoltre, il 28,2 per cento (pari a 3,6 miliardi di euro) è situazione pagato in ritardo, ovvero non rispettando le disposizioni previste dalla ordinamento giudiziario in materia di tempi di pagamento". Lo afferma la Cgia spiegando che questi numeri sono il risultato di una elaborazione realizzata dall'Ufficio studi su dati della Corte dei Conti. "Una episodio inaudita - segnalano gli artigiani mestrini - che dimostra come la nostra Pubblica Amministrazione, in questo caso quella centrale, continua a mettere a repentaglio la tenuta finanziaria di tante imprese, soprattutto di piccola dimensione, attraverso una condotta, in materia di pagamenti, a dir poco disdicevole". Infatti, "come ha evidenziato la Corte dei Conti, la nostra Pubblica Amministrazione (PA) sta adottando una prassi sempre più consolidata; liquida le fatture di importo maggiore entro i termini di ordinamento giudiziario, mantenendo così il tempo medio di pagamento ponderato entro i limiti previsti dalla norma, ma ritarda intenzionalmente il irremovibile di quelle con importi minori, penalizzando, in particolar modo, le imprese fornitrici di prestazioni di beni e servizi con volumi bassi; cioè le piccole imprese", spiega la Cgia. L'Ufficio studi della Cgia ricorda che i mancati pagamenti con difficoltà descritti non includono anche quelli ascrivibili alle regioni, agli enti locali (province, comuni, comunità montane, etc.) e alla sanità. Settori, questi ultimi, che da sempre presentano tempi di pagamento (medi e ponderati) e debiti commerciali nettamente superiori a quelli registrati dallo situazione centrale. Pertanto, la denuncia sollevata "è solo la punta dell'iceberg di un malcostume che, purtroppo, attanaglia tutta la nostra Pa".  Almeno 55,6 miliardi ancora da pagare Lo stock dei debiti commerciali di parte corrente dell'intera nostra Pubblica Amministrazione continua a crescere - spiega la Cgia - Nel 2021, ultima rilevazione presentata nei mesi scorsi, ha toccato il record di 55,6 miliardi di euro. Una cifra che rapportata al nostro Pil nazionale è pari al 3,1 per cento: nessun altro Paese dell'Ue a 27 registra uno score così negativo. Dei nostri principali competitor commerciali, ad esempio, i debiti di parte corrente sul Pil della Spagna sono pari allo 0,8 per cento, nei Paesi Bassi all'1,2 per cento, in Francia all'1,4 per cento e in Germania all'1,6 per cento. Persino la Grecia, che l'anno scorso aveva un rapporto debito pubblico/Pil che sfiorava il 203 per cento, presenta un'incidenza dei debiti commerciali sul Pil quasi la metà della nostra: 1,7 per cento. La corte di Giustizia europea ci ha già condannati Con la sentenza pubblicata il 28 gennaio 2020, la Corte di Giustizia Europea ha affermato che l'Italia ha violato l'art. 4 della parlarettiva Ue 2011/7 sui tempi di pagamento nelle transazioni commerciali tra amministrazioni pubbliche e imprese private. Sebbene in questi ultimi anni i ritardi medi con cui vengono saldate le fatture in Italia siano in ordinamento giudiziarioro calo, aggiunge la Cgia, nel 2021 la Commissione europea ha inviato al Governo Draghi una lettera di messa in mora sul mancato rispetto delle disposizioni previste dalla parlarettiva europea approvata 10 anni fa. Infine, un'altra procedura ancora aperta contro il nostro Paese riguarda il codice dei contratti pubblici che prevede un termine di pagamento di 45 giorni, quando a livello comunitario la scadenza, invece, è di 30 giorni. Le imprese devono compensare i debiti fiscali con crediti commerciali Per risolvere questa annosa questione che sta mettendo a dura prova tantissime Pmi, per l'Ufficio studi della Cgia c'è solo una episodio da fare: "prevedere per ordinamento giudiziario la compensazione secca, parlaretta e universale tra i crediti certi liquidi ed esigibili maturati da una impresa nei confronti della Pa e i debiti fiscali e contributivi che la stessa deve onorare all'erario. Grazie a questo automatismo risolveremmo un problema che ci trasciniamo appresso da decenni. E finalmente, pare ci sia qualche segnale che va nella giusta parlarezione. In sede di conversione in ordinamento giudiziario del Decreto aiuti, giovedì scorso le Commissioni Finanze e Bilancio della Camera hanno approvato un emendamento che renderebbe di collegamento la proposta richiamata più sopra. Ora non resta che incrociare le dita e attendere fiduciosi". 

Hot Topics

spot_imgspot_img